(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Amor poema coreografico in due parti e nove quadri"

fé;- 1 •'# ►* ■"• -, wfriw 

<iiS«L-- r ' !:*; ■ ■'■■% >, : ■••■.■■■* 



M j '■ 







Digitized by the Internet Archive 
in 2012 with funding from 
Brigham Young University 



http://archive.org/details/amorpoemacoreogrOOmare 



^_A_Jlk 




mJL_A 4 i^-i i 4 4 A A A-_i i_i_i i_/ 





h 




£ 



e)" 7 ? 7 7 7" Y Y Y "T 



POEMA COREOGRAFICO 



e- 

E- 

T~ V Y V V Y \ 



IN DUE PARTI E NOVE QUADRI 



DEL COREOGRAFO 



LUIGI MANZOTTI 



MUSICATO DAL MAESTRO 



ROMUALDO MARENCO 

. -. • RIPRODOTTO DA ETTORE CO ['PINI 



TEATRO REGIO DI TORINO — IMPRESA BORIOLI 

Carnevale e Quaresima 1888-89 



Prezzo 11 etto: Cent, 50. 






R. STABILIMENTO TITO DI GIO. RICORDI E FRANCESCO LUCCA 

pi 

G. RICORDI & C. 

Editori-Stampatori 
MILANO - ROMA - NAPOLI - PALERMO - PARIGI - LONDRA 



*—> a- "i 



Proprietà per tutti i paesi. — Deposto. 
Tutti i diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. 



G. RICORDI & C, editori di musica in Milano, hanno 
acquistato la proprietà esclusiva del diritto di stampa e 
vendita del presente ballo , e a termini della legge sui di- 
ritti d' autori, diffidano qualsiasi editore o libraio, o rivendi- 
tore di astenersi tanto dal ristampare il ballo stesso, sia 
nella sua integrità, sia in forma di riassunto o di descri- 

m 

%ione , ecc., quanto dal vendere copie di edizioni comunque 
contraffatte, riservandosi ogni più lata anione a tutela della 
loro proprietà. 



AVVERTENZA 



La forma letteraria adottata nel presente libro non ha 
consentito di indicare, come usavasi precedentemente, 
tutti i cambiamenti di scena : si e invece preferito 
di tracciare le linee generali a cui si è ispirato il 
coreografo. 



I 9 quadri del poema coreografico s' intitolano : 



PARTE PRIMA. 



// Caos. — La Creazione. — Il Torrente dell 3 Umanità. — 
// primo lavoro dell' nomo. — Nebulosa che denota il pas- 
saggio dall' epoca Preistorica alla Greca. — // Tempio delle 
Arti in Grecia e trionfo d'Amore, loro ispiratore. 



PARTE SECONDA 



Festa notturna di Bacco a Roma. — Caio Bruto. — II Trionfa 
di Cesare. 



< 






fe-0 — 



GLI ARTISTI PRIMARI CHE VI PRENDERANNO PARTE SONO: 



Bella Antonietta 
Ceccarelli Maria 
Razzani Emilia 
Cerato Giacinta 
Cassinelli Rosalia 
De Vincenti Vittorio 
Coppini Ettore 



Cima Gaetano 
Milanese Carlo 
Razzani Cesare 
Morazzano Andrea 
Castravelli Giovanni 
Linati Ernesto 
Ferrerò Giuseppe 



BALLERINE DISTINTE 



Minetti Giuseppina — - Ferrerò Antonietta 
Campana Paolina — Ratezzo Anna 



Distribuzione delle Danz 






-o— $£^° 



PARTE PRIMA. 



Quadro III. 
Quadro V. 



Torrente dell' Umanità. 



Trionfo di Amor e delle arti in Grecia. 



PARTE SECONDA. 



Quadro 


VI. 


// satiro e le sacerdotesse di Bacco. 


» 


)) 


Brindisi agli Dei. 


' )> 


)) 


La Baccante. 


» 


)> 


Il satiro e la Baccante. Passo a due. 


)) 


» 


/ satirelli. 


)> 


)> 


Baccanale. 


)> 


» 


V amatone Romana. 


» 


» 


La Gabarra. 


Quadro 


Vili. 


— La vittoria. 


Quadro 


IX. 


Il Trionfo di Cesare. 



AL 'PUBBLICO 



o-<&§>^ 



<yj-MORE, dominatore, vita dell' Universo, mi tentò nelle sue 
sublimi manifestazioni per un poema coreografico. 

Amore, dopo aver trionfato del Caos, segnò come una guida 
celeste il cammino di quel gran torrente umano , che venendo 
dalle pianure sabbiose e infuocate dell'Asia e dalle spaventevoli 
solitudini delle foreste africane, sboccò per lo stretto di Bab-el- 
Mandeb, inondando V Egitto, poi il Mondo. 

E la primigenia civiltà, in tempi remotissimi, ebbe sede sulle 
sponde del Nilo, per dire in Oriente, ed è quasi certo che di 
là ci venisse con la luce del sole. Nondimeno questa civiltà 
apparve a tutti come un enigma di un mondo giovanilmente 
rude, coi suoi obelischi, le sue immense piramidi che fendono le 
nubi. 

E Amore ed il leggiadro coro delle Grafie e delle Arti so- 
relle abbandonano l'Egitto, questa terra del mistero e del{c 
memorie, per un aere più mite, la Grecia, la quale con Omerg 
e tutta la lunga schiera d J immortali si mostra degna di acco- 
glierne e propagarne il culto perenne, dando poscia gran parte 
del suo splendore a Roma, rimanendo avvolta come in un glor 
rioso crepuscolo. 

Ma venne il giorno che Roma, inorgoglita della sua immane 
potenza, non s'ispirò più all' Amore, ma consacrò i vi%ì facen- 
done altrettanti Dei, per potervisi abbandonare sen^a scrupolo 
né ritegno. 

Roma impera e governa il mondo, ma le manca un concetto 
morale che governi lei. Le più sante istituzioni : giuramento, 
matrimonio, famiglia appaiono come disconosciute. Nelle obbro- 
briose feste notturne di Bacco, matrone e cavalieri dimenticana, 
sen^a arrossire, gli avi gloriosi, l'onore e l'autorità del nome. 



— 6 — 

Anche la gioventù di Giulio Cesare minaccia logorarsi nelle 
furiose ebbrezze dei baccanali. 

Amore, che non e altro che il più puro, il pili etereo senti- 
mento della virtù, lo punge di aspri rimproveri risvegliando in 
esso impeti generosi, sogni di gloria, e lo trae dall' obbrobrio. 
E mentre Cesare abbandona i palagi dai nefandi misteri di 
Bai co, che vengono incendiati e atterrati fino dalle fondamenta 
dalla vendetta del popolo e degli schiavi, Amore gli fa intra- 
vedere le sponde del Rubicone, colà dove moverà i primi passi 
siti cammino della gloria. 

Amore ha redento Cesare... la sua sconsigliata ambizione lo 
perderà. Egli ha già conquistate colla foraci e ridotte col terrore 
delle armi ottocento città e soggiogati trecento popoli. Il suo ul- 
timo trionfo fu segnato con la sconfitta dei figli di Pompeo.. Ma 
nell'atto che Cesare trionfatore sta per salire al Campidoglio , 
onde sagrificare agli Dei... la cospiratone di Bruto minaccia 
la sua vita. Non si vuole la divinazione dell'uomo, il culto per 
il tiranno pensando che Roma conquisto V Universo con le sue 
virtù e fu regina per la libertà. 

Diro ora che toccando rapidamente nel mio Poema Coreogra- 
fico, la Civiltà primitiva, /''Orientale, il Mondo Greco £ Ro- 
mano, ebbi sempre davanti agli occhi l'apoteosi dei due sovrani 
ingegni che ne distinsero le ultime epoche — Omero è Cesare. 

Omero si meritò la palma dell'intelligenza e gli artisti di 
tutti i paesi dovettero a lui le più belle ispirazioni. 

Cesare si meritò la palma nelle armi perchè fu il carattere 
più perfetto dell'antichità e il primo fra i capitani. 

E trattando dì Amore dovea naturalmente glorificare i due 
sommi, i suoi dite più grandi prediletti. 

Ecco il nobil soggetto che mi ispirò il poema coreografico che 
oso presentare a questo rispettabile pubblico, soggetto arditissimo, 
di cui il gran significato si comprende nella sola parola Amor, 
non indegna che tocchi a questo lavoro la stessa fortuna del- 
l' Excelsior. 

LUIGI MANZOTTI. 



PARTE PRIMA 



»-<&£. Jl£-o • 



VOCI 

Sia! 

ALTRE VOCI 

- 

Sia! 

UNA VOCE SOLA 

Col suo raggio Al tuo viaggio, 

Fecondi il sole Terrestre mole, 

L' Universo La via segnò 

Dal nulla emerso : Chi ti creò. 

Appena alzata la tela agli occhi dello spettatore si presenta 
la scena del Caos. Gli elementi sono in lotta fra loro nei 
primi periodi cosmici. Ma questa lotta degli elementi si fa 
meno aspra per l'avvicinarsi di Amor For%a ordinatrice del- 
l' Universo. Per virtù di un suo comando, alla parola creatrice : 
Sia, gli elementi si separano : la Terra perde la sua tinta in- 
fuocata e si ricopre d'uno splendido manto primaverile dove 
le piante ombreggiano infinite. 

Amore con una leggiadra visione invia all'uomo la creatura 
che aspetta in cuor suo, e influendo poi su di loro, li spinge 
al desiato amplesso ; un bacio ardentissimo è il suggello di 
quell'unione che popolò la terra dell'umana progenie. 

La scena gradatamente si cambia nella Gran Selva della 
terra, per la quale si svolge il Torrente della primigenia fa- 
miglia, torrente inesauribile che ci venne dal Nilo coi popoli 
meridionali dell' Etiopia. 

Un altro torrente si confonde a questo, sboccando per lo 



— 8 — 

stretto di Bab-el-Mandeb, e per mezzo dell' istmo che l'Asia 
congiunge con l'Egitto. 

Questi nostri progenitori fuggono dalle pianure sabbiose 
Bell'Asia e dalle solitudini delle foreste africane in cerca di 
paesi, (i) ove le condizioni climatiche e vegetative sieno tali 
da consentir loro d' iniziare con fortuna la lotta per 1' esistenza. 
E alla vista di nuove terre, speranzosi d'aere più mite, si danno 
in preda a una gioia selvaggia, (2) battendo, con movenze da 
scimmie, selce a selce, squassando rami d'albero e rozze armi. 

Amore, che ha guidato questi popoli, viene richiesto da 
essi chi egli sia : — Dio mi manda a voi, risponde, perchè 
v'insegni a riconoscerne l'esistenza. L'adempimento di questo 
dovere, sviluppando le vostre elevate facoltà, farà di voi gli 
esseri privilegiati della creazione, e potrete estendere il vostro 
imperio su quanto vi circonda. 

E in ciò dire, alza le braccia al cielo come per ottenerne 
un responso, e un raggio di viva luce l'illumina. 

Tutti si prostrano umiliati e confusi. 

.Alla luce del sole, che è già tramontato, succedono i fuochi 
che i nostri progenitori accendevano, durante la notte , per 
tener lontane le belve dai loro giacigli. 

Il voto di Amore, che è quello di ridurli alla nobiltà del 
loro vero essere, li accompagna al riposo. 

Da sinuose caverne, che la prima discendenza umana si scavò a 
stento per liberarsi dai cocenti raggi del sole e dalle fredde intem- 
perie della notte, escono sul far del giorno diversi capi di tribù. 

Alcuni partono per perigliose caccie onde provvedersi il quo- 
tidiano alimento. Altri pensando che non hanno niun mezzo 
di difesa, tranne le unghie, i denti e il bastone, ricorrono 
alla pietra per fabbricare armi e utensili. 



(1) Figuier : Le rax\e umane. 

(2) Plinio : Invenzioni e istituzioni umane, lib. VII. 



— 9 ~ 

Amore entra a mezzo a loro e dice : Non dovete fer- 
marvi alle vostre rozze armi, ma progredire. L'Onnipotente 
destinava a più utili e nobili operazioni la mente e la mano 
dell' uomo. E si dicendo , si avvicina ad alcune scorie che 
ha eruttato un vulcano , ne trae fuori un pezzo di metallo 
informe e lo getta in mezzo a loro. Cadendo a terra il me- 
tallo emette un suono. Lo raccolgono con grande meraviglia, 
se lo disputano. — Tutti si danno con alacrità a cercarne, (i) 
Alla pietra succedono i metalli, e mercè questi compiono la- 
vori che erano assolutamente impossibili a quelli di pietra, e 
le Arti e le industrie progrediscono a passi di gigante. 

Gli antichi favoleggiarono che 1' Arca di Deucalione ap- 
prodò al Parnaso (2) e che quei rozzi naufraghi ammaestrati 
e ingentiliti da Amore, dalle Muse e da Apollo, riversarono 
sul Mondo, in tanti splendori, gli insegnamenti ricevuti. 

Sotto il velame di questa favola traspare una significazione 
altissima che testimonia la Grecia , terra prediletta , 1' unica 
conservatrice del bello. 

I Geni delle Arti, poesia, musica, scultura, pittura, facendo 
parte della Corte d 5 Amore, trionfano con lui, onorando così il 
gran Tempio delle arti in Grecia e i cultori di esse, i quali si 
veggono disposti a gruppi. 

Sul gruppo principale domina Omero. 

Sul gruppo della pittura domina Apelle : su quello della 
scultura Fidia: sull'altro dell'architettura Iktimus il costrut- 
tore del Partenone, e al gruppo della musica, all'arte più 
bella che ci procura le più pure emozioni che ci avvicina 
più al cielo, sovrasta Apollo 

Ma la Grecia, che ingentilì il mondo, va a perdersi nei 
vortici della potenza romana ! 

Cala per poco il sipario. 



(1) Figuier : Le rayje umane. 

(2) Ovidio '.-Metamorfosi, 3, 18. 



— IO 



PARTE SECONDA 



^-^ìlIMr— ° 




a scena rappresenta un palazzo in Roma ove hanno 
luogo i baccanali istituiti in onore di Bacco, vi quali 
riassumono lo spirito di quei tempi nel modo più 
infame e obbrobrioso. In quelle feste notturne si facea getto 
dell' onore delle mogli , delle fanciulle , si commettevano 
oscenità da inorridire, e il sangue molte volte mescolavasi a 
queir ebbrezze nefande. 

S' incomincia con una danza caratteristica, in cui un Satiro 
fa la parte di ammaliatore con alcune fra le Sacerdotesse di 
Bacco. Quindi entra in scena Amore, che per introdursi ha 
preso T aspetto e le vesti di baccante, e cerca fin dal suo 
apparire di far volgere su di sé i' attenzione di Cesare , che 
al primo vederlo ne resta pazzamente invaghito. Amore si 
lascia corteggiare con l' idea di allontanarlo da quel sog- 
giorno infame, e talvolta gli sfugge, perchè egli lo cerchi e 
lo segua. Ciò suscita fieri moti di gelosia in Servilia , ma- 
trona romana, moglie di Publio, che Cesare non cura, non 
pensando che a quella che egli crede una baccante. Alla fine 
la matrona soffocando dall' ira, col pugnale minaccia di morte 
Amore, 

Publio, avvertito della vita disordinata che conduceva sua 
moglie , ha abbandonato il campo e tacitamente ne segue i 
passi per coglierla in quelli osceni convegni. 

Servilia alla vista del marito si arresta tremante, le sfugge 
il pugnale dalla mano e cade in ginocchio. Egli, vedendo 
in quel turbamento , in quella vergogna , il suo obbrobrio, 
vorrebbe ucciderla, ma gliel vietano gli astanti. 



— II — 



Publio fa uno sforzo superiore al suo sdegno pensando 
che anco Y ucciderla non gli frutterebbe in quel momento 
che T irrisione. Dai suoi occhi però ben si scorge che quella 
calma è finta , e che la sciagurata moglie è serbata alla 
sua non lontana vendetta. Nondimeno esce in rimproveri 
acerbi verso di lei, che ha obliato tanto sé stessa, da scen- 
dere in loco cosi vituperevole. « Non voglio ucciderti » 
esclama, « meglio lasciarti a' tuoi rimorsi. » Ma in Servilia 
la gelosia è così potente , da farle perdere ogni senso di 
vergogna , e mentre è trascinata fuori dal marito , saetta 
ripetutamente d' irati sguardi Cesare e Amore, che crede suo 
rivale. 

Publio se ne accorge e preso da subitaneo sdegno la fe- 
risce mortalmente, esclamando : « Giove, ti ringrazio che mi 
hai dato modo di vendicarmi. Cesare, prenditi ora questa 
donna. Io ti odio e potrei vendicarmi allo stesso modo di 
te , ma la mia vendetta sarà più piena e terribile » ; e al- 
lontanandosi minaccioso , accenna fra sé all' incendio e alla 
rovina di quel loco infame, che verranno compiti per opera 
sua, perchè egli saprà dire al popolo e ai magistrati, dove 
e come hanno luogo i nefandi misteri di Bacco. 

Servilia con un supremo sforzo, a stento si rialza, si toglie 
il pugnale dalla ferita e a passi incerti s' incammina verso 
Cesare per ucciderlo, ma ad un tratto trema, vacilla e cade 
morta al suolo. 

Cesare si scuote pel terrore che gli ispira quella scena di 
sangue, ma breve dura in lui lo sbigottimento, e a trarnelo 
basta T invito che gli fanno perchè prenda parte al bacca- 
nale , a cui dimentico già del triste fine di Servilia , spudo- 
ratamente si abbandona. 

Durante il baccanale , di tratto in tratto si avvertono un 
rumor sordo come di tumulto e squilli guerreschi. Amore, 
nel fine di ridestare in Cesare quanto il suo cuore e la sua 
mente posseggono di ambizioso e di grande, entra in scena 
foggiata da guerriera. Cesare si sente come attratto verso 



12 



Au/ore, e più non dà ascolto alle Sacerdotesse che cercano 
trattenerlo con voltinosi blandimenti. 

Giunto vicino ad Amore, di cui sente il misterioso potere, 
esclama: « Chi sei tu mai? » Amore in tuono di rimprovero 
risponde : « Son tale che qui venni per istrapparti all' igno- 
minia e al pencolo che ti sovrasta , perchè fra breve una 
giusta vendetta , quella del popolo darà alle fiamme questo 
asilo maledetto. I vizi che abbrutiscono i tuoi compagni , 
sono indegni di Cesare. Prendi questa spada e questo scudo 
e forai di Roma la dominatrice del mondo. » Cesare sorride 
all'idea della gloria... e forse anco a quella dell'Impero. 

Non ostante i sogni ambiziosi che gli attraversano la mente, 
alle Sacerdotesse e alle altre donne riesce a trarlo di nuovo 
nei vortici della danza e dell'orgia. Ma nel mentre che questa 
raggiunge il colmo di ogni dissolutezza, vien preso d'assalto 
il palazzo da un popolo furibondo, che incendia, e da gente 
armata che uccide. 

Alla testa di queste turbe avvi Pubblio che col ferro in 
pugno non cerca che il petto di Cesare. Ma a Cesare guida 
e scampo è Amore , e mentre lo salva da quel mortale pe- 
riglio conducendolo seco fra mezzo all' incendio e alle rovine,, 
gli fa balenare alla mente uno dei primi e più splendidi fatti 
che illustrarono la sua vita di Capitano : il passaggio del 
Rubicone. 

^* 

La scena rappresenta 1' atrio del Senato di Roma. Il po- 
polo, che da ogni parte irrompe festoso per muover poi in- 
contro a Cesare , è la più certa significazione che Cesare 
rientra in Roma, signore del mondo, e che tutto da qui in- 
nanzi si piegherà al suo volere. Un Pretoriano, caldo fautore 
di Cesare, invita il popolo ad acclamare il vincitore dei figli 
di Pompeo. In questo mentre entrano Bruto Cassio e Ciana. 

Bruto è meditabondo. Cassio esprime vivezza e prontezza 
d' animo, e saetta di sguardi sdegnosi il Pretoriano ed il pò- 



— 13 - 

polo. Ciana sotto una calma apparente mostra uno spirito 
indomato. 

Mentre i tre personaggi entrano in Senato , il Pretoriano 
li grida nemici di Cesare e incita il popolo a far valere nel 
Senato stesso, con la forza i diritti che ornai spettano a tanto- 
trionfatore, quando si mostrasse di volerli disconoscere. 

Sopraggiungono Decio Bruto, Casca, Trebonio, Ligario Me- 
tello, Labeone, Tullio, Cimbro e cercano di Bruto. — Altri ne- 
mici di Cesare, esclama il Pretoriano — e mentre i sopraddetti 
sono per entrare nell'aula, ne esce insieme a Cinna e a Cassio,' 
Bruto, furibondo con lampi d'ira magnanima in volto, escla— 
mando: Hanno accordato a Cesare privilegi quasi di re! — 
Bruto e i suoi amici fanno atto di entrare in Senato per combat- 
tere la nuova tirannica autorità, allorché comparisce Antonio. 

— Il Pretoriano a Antonio: — ■ Che cosa ha deciso il Senato 
rispetto a Cesare? — Antonio: — Il Senato ha acclamato Ce- 
sare Dittatore per un anno e Console per cinque. Di più ha 
ottenuto il potere tribunizio e il diritto di pace e di guerra. 

Tribuno e popolo: — Viva Cesare! — Cassio: — Ma 
questo diritto fino ad ora appartenne ai Comizi, a noi popolo ! 

— Vive proteste da parte degli amici di Bruto. 

Il popolo si mostra indeciso e non osa dichiararsi aperta- 
mente per Cesare. 

Il Pretoriano: — Viva 'Cesare Imperatore! 

Alcuni del popolo applaudiscono, altri si mostrano riottosi 
a quel grido che uccide la libertà di Roma. — Bruto apo- 
strofa fieramente Antonio chiamandolo astuto e dissimulatore. 

Si odono squilli guerreschi che annunziano l' arrrivo del 
trionfatore. — Antonio fa accendere l'ara a Giove Statore, 
indi seguito dal Senato mentre sta per muovere incontro a 
Cesare si accosta a Bruto susurrandogli agli orecchi: — 
Pensa che sei figlio di Cesare ! — Bruto rimane momenta- 
neamente atterrito da quelle parole , poi riprende animo e 
con gli amici si fa innanzi all' ara di Giove Statore e giura 
di spegner Cesare, esclamando : — Una Roma composta di 



— 14 — 



liberi e servi non può durare! — Le fazioni rinascono... 
Spartaco il gladiatore che prima avea gridato : — Se si deve 
combattere si combatta contro i nostri oppressori , da eroe 
morì ! Il sangue di Spartaco non potrà esser vendicato che 
da quello di Cesare. 



J&£ 



Anche Amore fa omaggio a Cesare (i) nel suo trionfo 
scorgendo nel dominatore delle Gallie, nel vincitore dei figli 
di Pompeo l'uomo fatale che una ragione altissima avea so- 
stenuto fino allora perchè egli ne eseguisse i decreti. 






(i) Per dare un'idea storicamente esatta del Trionfo di Cesare, il co- 
reografo si è attenuto scrupolosamente alla descrizione, adorna di relativi 
disegni, che si ^Qgg& nella pregevole opera : La Vita dei Greci e dei 
Romani, ricavata dagli antichi monumenti , scritta da Guhl e Koner (pa- 
gina 718). 



GAZZETTA MUSICALE DI MILANO 

(ANNO XLIV - 1889) 

FOGLIO ARTISTICO MUSICALE ILLUSTRATO DI 16 PAGINE 

IL PIÙ RICCO CHE SI PUBBLICHI FINO AD ORA 

DIRETTORE ^ ESCE 

GIULIO RICORDI ^r TUTTE LE DOMENICHE 

CON LIRE 22 ANTICIPATE 

prezzo d' abbonamento per un anno a domicilio in tutto il Regno , 

compreso invio ed affrancazione di tutti i premi 

SI RICEVERÀ QUANTO SEGUE: 

45£2 numeri della Gazzetta Musicale — L. £20 in musica (valore effettivo) 
corrispondenti a lordi Fr. 40 marcati od a netti Fr. 20 marcati (libera scelta 
fra tutte le Edizioni Ricordi e Lucca) — O Libretti d' Opera , oppure O 
Fotografie, oppure 1 delle Opere Letterarie (vedasi programma) — Dono straor- 
dinario di un elegante Almanacco-Calendario — ed infine si concorre a tutti i 
premi per la soluzione delle sciarade e rtbus (S08 pezzi di musica all'anno). 

Agli abbonati annui sono inoltre offerte straordinarie facilitazioni , colle quali 
possono avere alcune fra le più interessanti nuove edizioni musicali a condizioni 
vantaggiosissime : vedasi perciò V elenco delle varie combinazioni a pagina 21 e 
seguenti del programma speciale. 

CON LIRE 12 ANTICIPATE 

SI HA DIRITTO A 

^O numeri semestrali della Gazzetta. Musicale — L. IO in musica (va- 
lore effettivo) corrispondenti a lordi Fr. 20 marcati od a netti Fr. io marcati 
— ££ Libretti d' Opera, o £2 Fotografie, ed ai premi per la soluzione delle scia- 
rade e rebus. — (Vedasi programma). 

CON LIRE 6 ANTICIPATE 

SI HA DIRITTO A 

13 numeri trimestrali della Gazzetta Musicale — L. £> in musica (valore 
effettivo) corrispondenti a lordi Fr. io marcati od a netti Fr. 5 marcati — 
1 Libretto d' Opera , o X Fotografia, ed ai premi per la soluzione delle scia- 
rade e rebus. — (Vedasi programma). 

GLI ABBONAMENTI DECORRONO INVARIABILMENTE DAL 

i.° GENNAIO — i.° APRILE — i.° LUGLIO — i.° OTTOBRE 

SCADENZA NCN OLTRE IL 31 DICEMBRE 1889 



PREZZO DEGLI ABBONAMENTI FUORI DEL REGNO D'ITALIA 

compresa 1' afìrancazione dei premi : 

Anno Semestre Trimestre 

Susa, Tunisi, Tripoli ed Alessandria d'Egitto Fr. 24 — Fr. 13 — Fr. 7 — 
Unione postale d'Europa, Africa ed America 

del Nord » 28 — » 1 5 — » 8 — 

America del Sud ed Asia . » 34 — » 18 — » 9 — 

Australia e Nuova Zelanda » 40 — » 21 — » 11 — 



ABBONAMENTO ALLA SOLA ■ 

GAZZETTA MUSICALE DI MILANO 

SENZA PREMI 

a domicilio in tutto il Regno : 

Un Anno L. io — Semestre L. 6 — Trimestre L. 4 — 

PREZZO DEGLI ABBONAMENTI FUORI DEL REGNO D'ITALIA 

Anno Semestre Trimestre 

Susa, Tunisi, Tripoli ed Alessandria d'Egitto Fr. il — Fr. 6 50 — Fr. 4 50 
Unione postale d' Europa, Africa ed America 

del Nord » 12 — » 7 — — » 5 — 

America del Sud è Asia . ». 14 « — » 8 - — » 6 — 

Australia e Nuova Zelanda » 16 — » 9 — — » 7 — 

Gli abbonamenti decorrono invariabilmente dal 

i.° GENNAIO — i.° APRILE — i.° LUGLIO — i.° OTTOBRE. 

SCADENZA NON OLTRE IL 3 1 DICEMBRE 1889. 



■ ■— 11 ih iimii un iwiiiMin in mttn 1 



L' Amministrazione della Gazzetta Musicale ha inoltre concluso degli 
Abbonamenti riuniti con parecchi fra i più reputati periodici d'Italia: tali abbo- 
namenti offrono straordinari vantaggi e facilitazioni , le quali sono dettagliata- 
mente indicate nell' apposito Programma che si spedisce gratis a chiunque ne 
faccia richiesta. — Ecco 1' elenco dei giornali con abbonamento riunito : 

L'Illustrazione Italiana, splendido foglio settimanale illustrato. — La 
Stagione, ricco giornale di mode quindicinale. — L'Italia Giovane, periodico 
mensile illustrato. — La Gazzetta Piemontese e La Gazzetta Letteraria 
di Torino. — Il Pungolo di Milano e Le Conversazioni della Dome- 
nica. — La Nazione di Firenze. — La Vedetta di Firenze. — Il Resto 
del Carlino di Bologna. — L* Italia Centrale di Reggio Emilia. 

§gp^> Si spedisce gratis un Numero di Saggio e Programma detta- 
gliato della Gazzetta Musicale a chiunque mandi un semplice 
biglietto di visita munito' dell' indirizzo alla 

Direzione della Gazzetta Musicale — Milano, 



§Eg^» Le domande di abbonamenti e di premi devono essere indirizzate 
alla Direzione della Gazzetta Musicale - Milano, e non altrimenti: 



ESTRATTO DEL CATALOGO DEI LIBRETTI 

pubblicati dal R. Stabilimento Tito di Gio. Ricordi e Francesco Lucca 



m 



a. RICORDI & c. 



MILANO 



EDITORI-STAMPATORI — MILANO 



Ter altri libretti non compresi nel presente elenco, veggasi il catàlogo generale. 



O P 



R E 



— A. NETTI CENTESIMI 30 - 



BATTISTA. Anna la Prie. 
BERLINI. Beatrice di Tenda. 

— 1 Gapuleti e i Montecchi. 

— Norma. 

— Il Pirata. 

— I Puritani e i Cavalieri. 

— La Sonnambula. 

— La Straniera. 
CIMAROSA. Giannina e Ber- 

nardone. 

— Il Matrimonio segreto. 
GORONARO. Un Tramonto. 
DONIZETTI. L'Ajo nell'im- 
barazzo. 

— Anna Bolena. 

— Belisario. 

— Betly. 

— Il Campanello. 

— L'Elisir d'amore. 



DONIZETTI. Il Furioso. 

— La Figlia del Reggimento. 

— Gemma di Vergy. 

— Lucia di Lammermoor. 

— Lucrezia Borgia. 

— Marino Faliero. 

— Parisina. 

— La Regina di Golconda. 

— Roberto Devereux. 
MERCADANTE. Il Bravo. 

— Il Giuramento. 

— La Vestale. 
MEYERBEER. Il Crociato in 

Egitto. 
MOZART. Don Giovanni. 
RICCI F. Le Prigioni di E- 

dimburgo. 
RICCI L. Un' avventura di 

Scaramuccia. 



RICCI L. Chiara di Rosemberg 

— Chi dura vince. 

— I Due Sergenti. 

— Eran due ed or son tre ov- 

vero Gli Esposti. 
ROSSINI. L'Assedio di Co- 
rinto. 

— 11 Barbiere di Siviglia - . 

— La Cenerentola. 

— Il Conte Ory. 

— La Gazza Ladra. 

— Guglielmo Teli. 

— L'Italiana in Algeri. 

— Matilde di Shabran. 

— Mosè. 

— Otello. 

— La Pietra del Paragone. 

— Semiramide. 
SPONTINI. La Vestale. 



— A. NETTI CENTESIMI ^ O — 



ALTAVILLA. I Pirati di Ba- 
ratteria. 
APOLLONI. Adelchi. 

— Il Conte di Chenìsmark. 

— L'Ebreo. 

— Gustavo Wasa. 
ASPA. Un Travestimento. 
>UBER. Aidea o II Segreto. 

— Fra Diavolo. 

— I Diamanti della corona. 

— Il Domino nero, in versi, 

— Il Dòmino nero, in prosa. 

— La Muta di Portici. 
AUTERI-MANZOCCHI. Do- 
lores. 



AUTORI DIVERSI. La Donna 
romantica o II Medico o- 
meopatico , coi recitativi 
in versi. 

— La Donna romantica o II 

Medico omeopatico/coi re- 
citativi in prosa. 

— La Donna romantica o II 

Medico omeopatico, in dia- 
letto napolitano. 

BALFE. Pittore e Duca. 

BARONI. Ricciarda. 

BATTISTA. Esmeralda. 

BIANCHI. Gara d'amore. 

BENVENUTI. Il Falconiere. 



BENVENUTI. Guglielmo Sba 
kespeare. 

— La Stella di Toledo. 
BOIELDIEU. LaDama bianca. 
BONA. Don Carlo. 
BONIFORTI. Giovanna ài 

Fiandra. 
BOTTESINI. AH Babà. 

— Il Diavolo della notte. 
BRAGA. Caligola. 

— Estella di San Germano* 

— Reginetta. 

— Il Ritratto. 

BRÙLL. La Croce d'oro. 



. '■■ ■ 



— a. rsr e t 



TI 



~r^r ■' r: 



T 



O te IS r T E"'S X M I 50 



r^: 



r- - 



~~ . - '• > ■ 



BUONOMO. Cicco e Gola, coi 
recitativi in versi. 

— Cicco e Gola, coi recitativi 

in prosa. 
BUTERA. Elena Castriotta. 
BUZZI. Ermengarda. 

— Saul. 

BUZZOLLA. Amleto. 
CAGNONI. Amori e trappole. 

— Un Capriccio di donna. 

— Don Bucefalo. 

— Il Duca di Tapigliano. 

— La Fioraja. 
> — Giralda. 

— Michele Perrin. 

— Papà Martin 

— Il Testamento di Figaro. 

— La Tombola. 

— Il Vecchio della Montagna. 
CAMPANA. Esmeralda. 
CAMPIANI. Taldo. 
CANEPA. David Rizio. 
CATALANI. Dejanice. 

— Edmea. 

— Elda. 
CHIAROMONTE. Caterina di 

Cleves. 
COPPOLA. Nina pazza per 
amore. 

— L'Orfana Guelfa. 
DALLA BARATTA. Il Cuoco 

di Parigi. 
DALL'ARGINE. I due orsi. 
DAVID. Cristoforo Colombo. 

— Il Deserto 

— Ercolano. 

— Lalla-Roukh. 
DE-FERRARL Pipelet. 
DE GIOSA. Silvia. 

- — Don Ghecco. 

— Un. Geloso e la sua Vedova. 

— Napoli di Carnevale. 
DELL'OREFICE. Romilda de' 

Bardi. 
DOMINICETI. Il Lago delle 

Fate. 
DONIZETTI. Adelia. 
i — Caterina Gornaro. 

— Don Pasquale. 

— Don Sebastiano. 

— Il Duca d'Alba 
. — Elisabetta 

— La Favorita. 

— Gabriella di Vergy. 

i — Linda di Ghamòunix. 

— Maria Padilla. 

— Maria di Rohan. 

- — Paolina e Poliuto (i Mar- 
tiri). 

— Torquato Tasso. 
FACCJlO. Amleto. 

- — il Profughi Fiamminghi. 
FERRARI. Ultimi giorni-di 

Suli. 
FIORAVANTI. La Figlia del 

Fabbro. 



FIORAVANTI. Il Notaio d'U- 
beda. 

— I Zingari. 
FIORAVANTI ed altri. Don 

Procopio. V«**> 
FLOTOW. Alessandro Spa- 
della. 

— Il Boscaiuolo. 

— Marta. 

— Naida. 

— Zilda. 

FORONI. Cristina Regina di 
Svezia. 

— I Gladiatori. 

— Margherita. 
GABRIELLI. Il Gemello. 
GALLI. Giovanna dei Cortuso. 
GAMBINI.' Cristoforo Colombo. 
GLINKA. La Vita per lo Czar. 
GOBATTI. I Goti. 

*— % Luce. ^-^ , 

GOMÉS. Fosca. 

— Il Guarany. 

— Salvator Rosa. 
GOUNOD. Ginq-Mars. 

— Faust. 

— La Redenzione. 

— La Regina di Saba. 

— Romeo e Giulietta. 
GUERCIA. Rita. 
HALÉVY. L'Ebrea. 
I1EROLD. Zampa (nuova tra- 
duzione italiana). 

JONCIÈRES. Giovanni di Lo- 
rena. 
LECOCQ. Le cento Vergini. 
LIT.TA. Il Viandante. 

— Il Violino di Cremona. 
LUCILLA. La bella fanciulla 

di Perth. 
MAILLART. Gastibelza. 
MARGARINI. Francesca da 

Rimini. 
MARCHETTI. Gustavo Wasa. 

— Romeo e Giulietta. 

— Ruy Blas. 
MACCHIO'. La Statua di 

Carne. '* 

MARENGO. Lorenzino de' Me- 
dici. 
MAZZA. La prova d' un' o- 

pera seria. 
MELA. L'Allòggio militare. 

— LI Feudatario. 
MERCADANTE. Leonora. . 

— Il Reggente. 

— Oràzj e Guriazj. 

— La Schiava Saracena. 

— 11 Vascello di Gama. 
MERCURI. Adelinda. 
MEYERBEER. L'Africana. 

— Dihorah. 

— Il Profeta. 

— Roberto il Diavolo. 

— La Stella del Nord. 

— Gli Ugonotti. 



MORONI. Amleto. 
MOZART. Le Nozze di Figaro. 
MUZIO. Claudia. 

— Giovanna, la Pazza. 

— La Sorrentina. 
NICOLAJ. Le Vispe Comari 

di Windsor. 
OFFENBACH. La Grandu- 
chessa di Gerolstein , coi 
recitativi in prosa. 

— La Granduchessa di Gerol- 

stein, coireciUxitvi in versi. 
P ACINI. La Fidanzata Còrsa. 

— Malvina di Scozia. 

— Merope. 

— La Regina di Cipro. 

— Saffo. 

— Stella di Napoli. 
PALMINTERI. Arrigo IL 
PEDROTTI. Fiorina. 

— Guerra in quattro. 

— Isabella d'Aragona. 

— Mazeppa. 

— Il Parrucchiere della Reg- 

genza. 

— Romea di Monfort. 

— Tutti in maschera. 
PERL L'Espiazione. 

— I Fidanzati. 

— Giuditta. 

— Rienzi. 

— Vittore Pisani. 
PETRELLA. L* Assedio di 

Leida o Elnava. 

— Bianca Orsini. 

— Diana o La Fata di Poz- 

zuoli. 

— Il Duca di Scilla 

— Elena di Tolosa. 

— Il Folletto di Gresy. 

— Giovanna di Napoli. 

— Jone. 

— Manfredo. 

— Marco Visconti. 

— I Pirati spagnuoli. 

— Le Precauzioni o II Carne- 

vale di Venezia. 

— I Promessi Sposi. 
PETROCIN1. La Duchessa de 

la Vallière. 

— L' Uscocco. . Ta 
PINCHERLE. Il Rapimento. 
PINSUTI. Margherita. 

— Mattia Corvino. 

— Il Mercante di Venezia. 
PISTILLI. Rodolfo da Brienza. 
PLATANIA. Matilde Bentiyo- 

. gl'io- '. 
PODESTÀ. Un Matrimonio 

sotto la Repubblica. - 
PONCHIELLI. Lina. 

— Il Parlatore eterno. 

— I Promessi Sposi. 

— Roderjco. 

PONIATOWSKI. Piero de' Me- 
dici. 



— A. NETTI CENTESIMI ^ O 

— ----- -— 



=•. 



— 



■ 



^r-=^ 



PUCCINI. Le Villi. 

RICCI L. Il Birraio di Preston. 

— Corrado d'Altaftiura. 

— Il Diavolo a quattro. 

— Estella. . . 

— Una follia .a Roma. 

— 11 Marito e l'Amante. 
-RICCI (f.lli) Crispino la Co- 
mare. 

ROMANI. Il Mantello. 
ROSSI GIO. La Contessa d'Al- 

tenbejrg, . - , 

ROSSI LAURO. Il Domino 

Nero. 

— I Falsi Monetari. 

— La Figlia 4i Figaro. . 
ROSSINI. Roberto Bruce. 

— Torvaldo e Dorliska. 
ROTA. Penelope. 
RUBINSTEIN. Feramor. 
RUGGÌ. I due ciabattini. 
SANELLI. Il Fornaretto. 

— Gennaro Annese. 

— Gusinano. 

— Luisa Strozzi.' 

— La Tradita. 
SANGIORGI. Diana di Cha- 

verny. 

— Giuseppe Balsamo. 

— Guisemberga da Spoleto. 



SARRIA. La campana del- 
l' eremitaggio. 

SCHIRA. Lia. 

SECCHI. La Fanciulla delle 
Asturie. 

SILVERI. Giuditta. 

SINICO. Marinella. 

— I Moschettieri. 
SMAREGLIA. Bianca da Cer- 
via. 

— Ro Naia. 

SPONTINI. Fernando Cortez. 
.THOMAS. Il Cai'd. 

— Il Sogno d' una notte d' e- 

state. 
TORRIANI. Carlo Magno. ■ • 
USiGLIO. Le Educande di Sor- 
rento. 

— Nozze in prigione. 
VACGAJ. Virginia. ■— 
VALENZA. Le Futa , coi re- 
citativi in versi. 

— Le Fate, cot recitativi in 

prosa. 
VENTUB.ELLI. Il Conte di 

Lara-. 
VERDI. Aida. 

— Alzira.. 
•— Aroldo. 

— Attila. 

— Un Ballo in maschera. 



VERDI. La Battaglia di Le- 
guano. 

— Il Corsaro. 

— Don Carlo. (Seconda Edi- 

zione in 4. atti). 

— I Due Foscari. 

— Emani; 

— Il Finto Stanislao. 

— La> Forza del Destino. 

— Gerusalemme. 

— Giovanna d'Arco. 

— I Lombardi. 

— Luisa Miller. 

— Macbeth. 

— Macbeth, riformato. 

— I Masnadieri. 

— Nabucco. 

— .Rigoletto. 

— Stiifelio. 

— La Traviata. 

— Il Trovatore. 

— I Vespri Siciliani. 
VILLAFIORITA. Il Paria. 
VILLANIS. Giuditta di Kent. 
WAGNER. Il Crepuscolo degli 

Dei. Sunto. 

— L' Oro del Reno. Sunto. 

— Sigfrido. Sunto. 

— Walkiria, Sunto. 
WEBER. Der Freischiitz. 
ZUELLI, La Fata del Nord. 



A NETTI FRANCHI UNO — 



BANDINI. Fausta. 

BOITO. Mefistofele. 

ROTTESI NI Ero e Leandro. 

CORONARO. La Creola. 

CORTESI. L'Amico di Casa. 

FALCHI Giuditta. 

FRANCHETTI. Asrael. 

GOLDMARK. La Regina di 
Saba. 

GOMES. Maria Tudor. 

GOMES DE ARAUJO. Garmo- 
sina. 

MANCI NELLI. Isora di Pro- 
venza. 

MARCHETTI. Don Giovanni 
d' Austria. 



MASSA. Salammbò. 
MASSENET. Erodiade. 

— 11 Re di Lahore. 
MICELI. La Figlia di Jefte. 
PONCH1ELLI. Il Figliuol pro- 
digo. 

— La Gioconda. 

— I Lituani. 

— Marion Delorme. 
RAD EGLI A. Colomba. 
VERDI. Don Carlo , in 5 atti 

(Prima Edizione.) 

— Don Carlo, in 5 atti senza i 

ballabili (Terza Edizione). | 

— Otello. i 



VERDI. S im o ri Boccanegra 
(Nuova Edizione). 

WAGNER. Il Crepuscolo degli 
Dei. 

— Lohengrin. 

— I Maestri Cantori di No- 

rimberga. 

— L'Oro del Reno. 

— Parcival. 

— Rienzi. 

— Sigfrido. 

— Tannhàuser. 

— Tristano ed Isotta. 

— Il Vascello Fantasma o 

L' Olandese volante. 

— Walkiria. 



VERDI. Messa da Requiem, netti Cent. 20. 



EDIZIONI IN LINGUE STKANIEKE — 



Francese. 

BOITO. Méphistophèles . . netti Fr. 1 — 

DE-FERRARI. Pipelet netti — 50 

GOLDMARK. La Reine de Saba . netti 1 — 
LECOCQ. Les cent Vierges „ . . netti — 50 
MARCHETTI. Ruv Blas .... netti — 59 
PONCHIELLI. Gioconda . „ . . netti ì — 
VERDI. Aida lordi 2 — 

— Don Carlos netti 1 — 

— Othello netti 1 — 

— Simon Boccanera (ital, e frane.) netti 2 — 



Tedesca. 

BOITO. Méphistophèles. . . netti MJi. — 50 
MARCHETTI. Buy Blas .... netti — 50 
PONCHIELLI. Gioconda .... netti — 50 
VERDI. Aida netti — 50 

— Aida (tedesco ed italiano), lordi Fr, 4 — 

— Don Carlos netti MH. — 50 

— Othello netti ì — 

— Requiem (tedesco e latino) . . netti — 40 

— Simon Boccanegra .... netti — 50 



- EDIZIONI IN LINGUE STRANIERE 



Inglese. 

B01TO. *Siefìstofele(ital.ed inni.) netti Fr. 

POXCHIELLI. La Gioconda (italiano 

ed inglese) .netti 

— I Promessi Sposi (The Betrothed 
Lovers) netti 

VERDI. Aida (italiano ed inglese) lordi 

— Otello (italiano ed inglese) netti Se. 

— Requiem netti 

Spagnuolo,. 

BOTTO. Mefistófeles .... netti Fr. 



2 — 

2 — 

1 25 
4 — 
1 6 
1 25 



— Mefistófeles - Argomento . 
PONCHIELLL La Gioconda. 

— La Gioconda - Argomento 



1 — 
netti — 10 
netti 1 — 
netti — 10 



Spagnuóla. 

VERDI. Aida (spagnuolo ed ita- 
liano) lordi Fr. 4 — 

— Aida - Argomento netti — 10 

— Otelo (italiano e spagnuolo). . netti 2 — 

— Simon Boccanegra netti 1 — 

Portoghese. 

PONCHTELLI. La Gioconda, netti Fr. 1 50 

— La Gioconda - Argomento . . netti — 30 
VERDI. Othello (ital. e portoghese) netti 2 — 

Russa. 

VERDI. Otello . .netti 150 



~rr. 



BALLI 



GRASSI. Teodora .... netti Fr. — 50 
MANZOTTI. Amor netti — 50 

— Amor - in inglese netti 1 — 

— Amor - in francese netti 1 — 

— Amor - in tedesco . . . netti Mh. — 40 

— Amor - in portoghese . . netti Reis 200 

— Amor - in spagnuolo . netti Reales 2 — 

— Excelsior netti Fr. — 50 

— Excelsior - in inglese .... netti 1 — 

— Excelsior - in portoghese (Edizione 

pel Portogallo) .... netti Reis 100 
— » Excelsior - in portoghese ( Edizione 

pel Brasile) ..... netti Reis 200 
•— Excelsior - in spagn. . netti Reales 2 — 



MANZOTTI. Excelsior - in tedesco 

netti Mlt. — 40 

— Narenta netti Fr. — 50 

— Pietro Micca . netti — 50 

— Rolla . . netti — 50 

— Siena netti — 50 

MONPLAISIR. Brahma. .... netti — 50 

— La Devàdàcy . . netti — 50 

— Lore-Ley netti — 50 

NUITTER e SAINT-LEON. La Sor- 
gente netti — 50 

PALLE RINI. Le due Gemelle . . netti — 50 

POGNA. Annibale ...... netti — 50 







Prezzo netto 



CentròQ